Back to Home

Tempo evento: sintesi della presentazione di Zero Positivo a Martignacco

 

Le fotografie durante la presentazione del libro a Martignacco sono state fatte dal fotografo Vasile Octavian Pop http://octavianphotography.com/index.html

Venerdì 4 novembre 2016, a Martignacco presso la “Sala dei Soci” della banca BCC, Friuli Centrale, Paolo De Nardo, già dirigente scolastico dell’IC di Martignacco, ha presentato il libro Zero Positivo di Cristina Marginean Cocis, edito per la Gaspari editore.

Dopo l’esordio alla Feltrinelli, Cristina ha continuato le presentazioni del suo libro ai lettori proprio a Martignacco. Le emozioni erano tante, la gioia di incontrare molte persone conosciute, ma anche persone con cui ci si saluta saltuariamente o ci si conosce di vista, tra un impegno e l’altro. A Martignacco il numero degli abitanti del Comune, negli ultimi 10 anni, è aumentato di oltre 2000 persone, ma non tutti vivono le realtà del paese e forse non si sono inseriti nelle attività presenti per la comunità civile, sociale o quella parrocchiale, ormai con il nuovo parroco don Luca, dopo il mezzo secolo di mons. Efrem Tomasini, che ha manifestato sempre la sua stima e apprezzamento verso Cristina e l’affetto per la sua famiglia, nei quasi nove anni in cui, il marito, padre Ioan ha collaborato nelle attività pastorali e parrocchiali.

La presentazione del primo romanzo di Cristina dal titolo Zero Positivo ha suscitato curiosità, interesse e quelli che l’hanno già letto, volevano conoscere da vicino l’autrice, avere la dedica sul libro e partecipare all’evento organizzato qui a Martignacco.

Le sorprese non sono mancate, Paolo De Nardo è riuscito, con esperienza e conoscenza approfondita del testo e in parte di me come persona, a far uscire fuori il vissuto che sta dietro e costituisce l’anima di questo romanzo. Trovarsi all’improvviso ad affrontare la paura imminente della morte, mentre si vive il bellissimo periodo di una seconda gravidanza, non è una realtà a cui ci si prepara prima in alcun modo.

La presentazione del libro è stata una buona occasione per affrontare questo delicato tema della vita nascente e specialmente della morte, assieme ai ragazzi di nove anni circa, presenti in sala. Alcune mamme non sapevano come iniziare ad affrontare questo argomento e spesso si rimanda, perché troppo delicato. L’abilità del presentatore ha fatto sì che la discussione non superasse troppo il limite, alla presenza di ragazzi in sala in età scolare elementare, facendo emergere la dimensione della sofferenza, la fatica, la paura ma anche la positività con cui Cristina ha affrontato un simile percorso esistenziale.

L’intermezzo musicale, il Preludio 1007 di Johann Sebastian Bach eseguito alla chitarra dal giovane artista Marian Tataru, che studia chitarra classica con il maestro Marius Stoica, ha dato alla serata quella leggerezza che ha aiutato tutti i presenti ad approfondire il proprio vissuto a partire dai temi proposti. La proiezione del booktrailer e delle immagini suggestive che hanno accompagnato i dialoghi e i pensieri espressi, hanno creato un clima familiare, trasformando il tempo cronologico in momenti di crescita personale, toccando, pur brevemente, temi importanti della vita, in cui tutti siamo, in qualche modo, coinvolti.

La sorpresa finale, una registrazione audio con un brano letto da Cristina su uno sfondo musicale significativo, ha lasciato a tutti uno spunto di riflessione.

Questo è il modo in cui si voleva presentare il romanzo Zero Positivo a Martignacco, come evento che genera positività, come evento che lascia spazio a pensieri e parole che generano vita e non per ultimo come tempo “kairos”, opportunità per manifestare riconoscenza verso tutte quelle persone che nei tempi difficili ci hanno sostenuto concretamente e spiritualmente.

Il libro non ha una dedica particolare all’inizio, proprio perché è dedicato a tutti i lettori, col desiderio di creare rete e dialogo con tanti altri libri che generano positività e benessere nella vita.