Back to Home

Torino, presentazione del romanzo Zero Positivo. Suoni inusuali promosso da Salottomusica

Venerdì 11 Novembre 2016 il romanzo ZERO POSITIVO di Cristina Marginean Cocis è stato presentato a Torino, il primo incontro di una serie di eventi culturali e musicali  programmi per il prossimo periodo autunnale

Il pianista Francesco De Giorgi ha introdotto la serata, presentando l’autrice per dare inizio ad un dialogo con Cristina su diversi temi attorno a quelli descritti nel suo romanzo Zero Positivo. Sono stati coinvolti anche gli ascoltatori, toccando argomenti profondi e suscitando emozioni particolari durante il racconto di vissuti personali. La positività aiuta tanto e fa da guida nei momenti di sofferenza e di forte prova nella vita. Condividere con gli altri questi dolori diventa più sopportabile, non ci si sente soli o abbandonati e la positività cresce e da speranza.

“Contentissimi di aver ospitato presso Luoghi Comuni Residenza Temporanea Porta Palazzo la presentazione torinese del libro di Cristina Marginean Cocis con la collaborazione di Salotto Musica, aprendo così la stagione di Suoni Inusuali 2016/2017! Vi invito personalmente a conoscere meglio il libro Zero Positivo anche su www.cristinamarginean.it
Un’ottima esperienza di lettura” dice Francesco De Giorgi.

I presenti hanno avuto l’occasione di ascoltare al pianoforte una eccellente interpretazione di Francesco De Giorgi dello Scherzo n. 1 e n. 4 di Chopin. Secondo il pianista De Giorgi, la creazione di Chopin rispecchia molto la tensione che l’autrice si trova a percorrere nella vita, descritta con grande sensibilità nel romanzo Zero Positivo, che si presta molto bene alla lettura. Momenti di forte intensità emotiva, momenti di paura, di stupore, di rabbia, di dolore spropositato e atroce, di intensa introspezione, in alternanza a momenti di positività, di affidamento alla grazia di Dio, di amore e donazione che soltanto una mamma è in grado di sperimentare nel rapporto intimo e unico con il proprio bambino.

Il viaggio a Torino ci ha fatto conoscere persone nuove, vedere fugacemente il centro città, visitare alcune librerie e ripartire con il desiderio di tornare per altre presentazioni e per altri momenti di incontro edificanti con persone interessanti.

Il tempo evento che un libro riesce a donare si sperimenta attraverso la sua lettura profonda, dedicando pazienza per assaporare il gusto delle parole, in cui ci si ritrova con le proprie emozioni, sentimenti e col proprio vissuto.