Back to Home

Brevi recensioni sul romanzo ZERO POSITIVO da amazon, mondadoristore o altri luoghi nella rete

Alcune recensioni brevi su diversi store e social network

Le recensioni più articolate si trovano nella cartella RECENSIONI DEL LIBRO su questo sito  http://www.cristinamarginean.it/category/recensioni-del-libro/

AMAZON

Di Cliente Amazon il 3 dicembre 2016   Acquisto verificato   ZERO POSITIVO di Cristina Marginean Cocis nasce “in diretta VITA”, perché la realtà batte il film; improvvisamente il cielo cade addosso a Cristina. Ci si sprofonda in un silenzio immenso, si parla dell’imminente necessità di un intervento divino, mentre i medici scienziati pensano è si confrontano. Ecco, qui la lettura di questo libro diventa meditazione: che cosa e come Cristina descrive questi momenti, queste emozioni, queste paure e come trova il coraggio per andare avanti.   Mi è piaciuto il modo in cui il romanzo mi ha preso come lettore, coinvolgendomi intimamente, portandomi a pensare alla mia vita, alle mie paure, alle mie capacità di sopravvivenza. Questo doppio binario, in forma caleidoscopica, tra la stanza d’ospedale e la ricerca del padre nel Delta è un modo straordinario per mettersi in viaggio con la protagonista, diventando ad un certo punto accompagnatore come “l’alpinista delle mie gole profonde, la scalatrice dei più alti picchi di orgoglio e vanità […]”. Il libro lo consiglio a chi sta cercando un senso nella vita, a chi ama leggere, a chi ama scrivere, a chi ama l’italiano come lingua e come popolo che ha la vocazione di difendere e diffondere nel mondo la bellezza, nel vero senso della parola. BUONA LETTURA, ma sarà più di una lettura. Zero positivo

5.0 su 5 stelle Un libro da non perdere!      Di lino52 il 3 dicembre 2016    Un bel libro: un libro da non perdere! L’autrice con un linguaggio delicato e intenso rilegge la sua storia, ripercorrendo e illuminando di speranza anche i sentieri impervi del dolore e della malattia. È un libro che parla al cuore e illumina la vita di chi lo legge.
MONDADORISTORE
Marco_Dalla_Torre – 30/11/2016 21:09   voto 5 su 5  La protagonista, nel giorno del suo settimo anniversario di matrimonio, si sente male e, ricoverata all’ospedale di Udine, le viene diagnosticata una leucemia fulminante. Il suo cuore non ha dubbi nel portare avanti la gravidanza del suo secondo figlio, che è al quinto mese. All’inizio si tratta dunque di guadagnare giorni, fino alla nascita di Victor (che oggi è un bellissimo bambino di sette anni). Poi i medici si scatenano con le cure e, inaspettatamente, Cristina guarisce. Il libro è il racconto dei due mesi precedenti la nascita. E della lotta della protagonista per trovare senso e forza, nella fede e anche riscoprendo nei ricordi la figura di suo padre, che fu perseguitato dal regime di Ceausescu. Sullo sfondo la vita quotidiana sotto una ferrea dittatura. Nella sostanza un forte approfondimento del rapporto padre/figlia. Sola, nell’isolamento della stanza d’ospedale, dice a se stessa: «I ricordi mi terranno compagnia in queste notti buie. Loro mi ricorderanno chi sono». Romanzo-testimonianza toccante e di grande profondità, guadagnata a duro prezzo.

9 dicembre 2016: Chiara S. dalla pagina Fb @ZeroPositivo.Romanzo  [https://www.facebook.com/Zeropositivo.Romanzo/]

Gentile Cristina, sto leggendo il suo romanzo… mi è possibile definirlo così anche se è molto autobiografico? mi ha stupito ed incantato fin dalle prime pagine per la dolcezza, la poesia, la serenità con cui ha affrontato una prova tanto aspra e terribile, che avrebbe reso arido il cuore di chiunque non avesse un’anima tanto grande e sostenuta dall’Amore altrettanto forte. Prima di aprirlo mi era tornato in mente un libro letto alcuni anni fa, “Il cavaliere, la morte e il diavolo” di Fritz Zorn… ma lì c’è sconfitta, mentre nelle sue pagine è vittoria su ogni livello, fisico, animico e spirituale. Grazie per aver condiviso questa sua esperienza con tutti i lettori.

matteo_giordano – 09/12/2016 08:18

voto 5 su 5

Si tratta di un libro assolutamente femminile, non tanto e non solo nello stile ma soprattutto nel modo di affrontare, scoprire e indagare la propria interiorità scavando dentro di sé fino ad arrivare “alla carne viva”; gli uomini sono più pragmatici, le donne hanno una sensibilità fin troppo acuta ed è dal reciproco stemperarsi che invece di una diminuzione, si sviluppa per entrambi una crescita umana. Per questo secondo me si tratta di un libro molto femminile che però può fare molto bene agli uomini, forse la lettura non sarà sempre agevole per un uomo, ma gli farà molto bene. Il tema è sicuramente forte e non può lasciare indifferenti, e comunque mai come oggi servono libri con i valori giusti. Non si tratta di una scrittrice professionista, ma questo non rappresenta un limite, anzi il cuore con cui è scritto aiuta a sviluppare una forte empatia. Bello il doppio binario della narrazione, lospedale e la ricerca del padre; scritti con due stili apparentemente diversi che però si riuniscono alla fine nello scoprire il vero significato di questa ricerca. Bellissima anche la considerazione che il corpo aiuta lanima a crescere; quanto è importante questo concetto soprattutto oggi che si tende a banalizzare e svilire la corporeità . Il libro mi è piaciuto molto e sullo sfondo si percepisce la situazione della Romania negli anni della gioventù dellautrice. Pur essendo una nazione vicina, la conosciamo poco e quasi nulla sappiamo della condizione dei cristiani ai tempi di Ceaucescu; è una bella occasione per colmare, almeno parzialmente la lacuna       http://www.mondadoristore.it/Zero-positivo-Cristina-Cocis-Marginean/eai978887541489/

hangulioun – 11/12/2016 15:38

voto 5 su 5

studio italiano in Italia e amo l’Italia. Ho trovato il libro Zero Positivo che ha un affascinante personaggio coreano Hyun Do. Si tratta di un romanzo intenso, ispirato ad un caso reale, romanzato, tra la grave malattia e la ricerca del padre incarcerato ingiustamente e portato ai lavori forzati nel Delta del Danubio, la protagonista mi ha preso con se nel suo viaggio interiore e avventuroso. Mi è piaciuto perché ha un bel italiano, senza parolacce, e capace di approfondire aspetti importanti dell’anima e della vita. Un libro che attira e coinvolge. Lo consiglio molto. Complimenti      http://www.mondadoristore.it/Zero-positivo-Cristina-Cocis-Marginean/eai978887541489/

marco_dalla_torre – 30/11/2016 21:09

voto 5 su 5

La protagonista, nel giorno del suo settimo anniversario di matrimonio, si sente male e, ricoverata all’ospedale di Udine, le viene diagnosticata una leucemia fulminante. Il suo cuore non ha dubbi nel portare avanti la gravidanza del suo secondo figlio, che è al quinto mese. All’inizio si tratta dunque di guadagnare giorni, fino alla nascita di Victor (che oggi è un bellissimo bambino di sette anni). Poi i medici si scatenano con le cure e, inaspettatamente, Cristina guarisce. Il libro è il racconto dei due mesi precedenti la nascita. E della lotta della protagonista per trovare senso e forza, nella fede e anche riscoprendo nei ricordi la figura di suo padre, che fu perseguitato dal regime di Ceausescu. Sullo sfondo la vita quotidiana sotto una ferrea dittatura. Nella sostanza un forte approfondimento del rapporto padre/figlia. Sola, nell’isolamento della stanza d’ospedale, dice a se stessa: «I ricordi mi terranno compagnia in queste notti buie. Loro mi ricorderanno chi sono». Romanzo-testimonianza toccante e di grande profondità, guadagnata a duro prezzo.

http://www.gazetaromaneasca.com/observator/observator/comunitate/zero-positivo-o-carte-nascuta-pe-un-pat-de-spital-lansare-la-udine-libraria-la-feltrinelli.html

FACEBOOK

Alex Iacob-Venezia Mestre, novembre 2016 – Bella e forte come il suo angelo custode, Cristina, la moglie di un sacerdote romeno, combatte per lei e per il suo figlio nel grembo e vince una brutta malattia: leucemia. La sua esperienza diventa un romanzo autobiografico, che sconvolge e fa riflettere in maniera profonda sul senso della vita e della morte

Diana Dia Felicitari pentru frumoasa carte!!Nu am terminat-o dar fiecare rand care il citesc mi se increteste pielea!!complimenti si multumim frumos?
Ioan Marginean-Cocis Mettere insieme la storyboard, le riprese, la passione per riuscire ad incantare i lettori, diventa edificante, bello e attraente. Ciò che sembrava una volta opera di un regista, nel piccolo si riesce a realizzare con dedizione e lavoro anche da noi. E’ venuto fuori un bel lavoro. Buona visione. Ci vuole POSITIVITA’. Tutto grazie all’autrice del romanzo ZERO POSITIVO: Cristina Marginean-Cocis

Carmen e Lauro: Brava Cristina mi sei piaciuta tanto! Ho preso il libro ma non ho potuto aspettarti x farti fare l’autografo. Me lo farai quando ci vedremo! Carmen con Lauro

Graziella Fortunato a Cristina Marginean-Cocis    23 ottobre · San Daniele del Friuli ·

 Ho “divorato” il tuo libro che ci porta in profondità nella tua e nella nostra vita! Ora lo dovrò rileggere assaporando pagina per pagina come hai saputo esprimere emozioni, dubbi, certezze, sentimenti illuminati da una profonda fede! Molti sono gli spunti per meditare e per confrontarsi! Grazie! Avrei una curiosità da maestra: il libro lo hai scritto subito in italiano o in rumeno? Un abbraccio!

Laura Grosso con Cristina Marginean-Cocis22 ottobre ·

 Comprato! Lo sto divorando! Libro scritto con una dolcezza che profuma di poesia. Grazie, Cristina! La tua forza e la tua Fede sono contagiose! ?