Back to Home

Zero Positivo, un vero “page-turner book”

Zero positivo: il coraggio di una donna, una sfida in nome della vita Zero positivo di Cristina Marginean Cocis è allo stesso tempo un romanzo di rara intensità e un vero “page-turner book”, un libro che si legge tutto d’un fiato, catturati dall’intreccio. Fra passato e presente, introspezione e avventura, le pagine scorrono veloci, ma impreziosite da una scrittura fortemente evocativa, in un italiano impeccabile, dall’aggettivazione raffinata e dalla punteggiatura precisa, da far invidia a tanti scrittori madrelingua. Il lettore segue col fiato sospeso l’avventura del corpo e quella dell’anima della protagonista, cercando di coglierne tutte le sfumature e le profondità, ripromettendosi quasi a ogni pagina di concedersi una rilettura più lenta, perché Zero positivo la merita davvero, come la migliore letteratura. Un romanzo che parla alle donne, soprattutto a quelle che hanno vissuto la maternità, ma non solo a loro. Parla agli uomini, che possono avvicinarsi al mistero di questa esperienza, ma anche a chi desidera approfondire uno dei capitoli più bui della storia europea del Novecento, ancora troppo poco conosciuto. Un libro che parla di fede, di una fede autentica, nata clandestinamente sotto una dittatura atea, rafforzatasi attraverso la malattia e un percorso interiore in cui il padre terreno e quello celeste non abbandonano mai la protagonista, né vengono da lei abbandonati. Un messaggio di fede che raggiunge anche i non credenti attraverso una testimonianza sincera, che arriva dritta al cuore, parlando della forza del ricordo, del coraggio di una donna e di quello di un padre, del saper cogliere la positività anche mentre si attraversano le esperienze più dure, i “momenti zero” della propria vita, quelli dai quali trarre nuove energie per ripartire. Perché lo zero è positivo.
Antonella Farina Riva 

Con orgoglio e gratitudine pubblichiamo questa recensione del libro Zero Positivo [di Cristina Marginean Cocis]
scritta da Antonella Farina Riva [bibliotecaria alla Biblioteca Comunale Quarantotti Gambini di Trieste].