Back to Home

Francesca Canto scrive per megliounlibro.it un riassunto sulla presentazione di Zero Positivo a Milano

Cristina Marginean Cocis presenta Zero Positivo

Zero Positivo: quando la scrittura canta l’amore alla vita
di Francesca Canto
Cristina Marginean Cocis parla con la stessa delicatezza che scandisce il ritmo della sua scrittura, dove solo a tratti si percepisce l’accento della Romania, la sua terra, quella che fa da sfondo a questa storia triste e felice insieme. Felice perché alla fine la vita vince.
Siamo alla presentazione a Milano del suo primo libro, Zero Positivo, la storia di una donna che lotta per la vita e per quella del figlio che porta in grembo. E’, in definitiva, la sua storia.
“Questo libro nasce da un’intenzione, bisogna curare le proprie intenzioni, perché tante volte un’intenzione può tenerci in vita”: inizia così il racconto di questa donna che è mamma, insegnante, scrittrice.
Era incinta del secondo figlio quando le fu diagnosticata la leucemia, una prognosi infausta quella dei medici di Udine, la città in cui vive da quando nel 1999 si è trasferita in Italia; poche forze ma abbastanza per affrontare la chemio. “Decisero di invertire il primo ciclo di chemio con il secondo, ma era come buttare una goccia d’acqua in un mare di veleno”.
Invece ce l’ha fatta, ha schiacciato la malattia, ad aiutarla in questa battaglia la fede e l’amore dei suoi cari, in particolar modo del padre, colui che fece di tutto per mettere le ali alla sua libertà, in un paese in cui non era facile essere donna (“né essere uomo”, dice lei). Un modello che le ha dato il coraggio di lottare contro il male senza arrendersi. C’è, infatti, un parallelismo tra il suo isolamento dovuto alle cure e quello del padre, rinchiuso ingiustamente in prigione durante la dittatura comunista di Ceausescu. “Ho fatto un cammino a ritroso per capire come mio padre era riuscito a sopravvivere senza perdere la testa e mi dicevo che se lui ce l’aveva fatta, potevo farcela anche io”.
Una storia difficile, che si conclude con la pubblicazione del romanzo e l’inizio di altre nuove storie. A lieto fine.